ATTIVAZIONE MONTE CIRCEO LZ-024.......06 GEN 2014
undefined
La partenza è stata pianificata per le ore 7.00 del 6 Gennaio 2014 da Latina alla volta del monte Circeo. L'attrezzatura per il trekking era pronta dalla sera prima così come le attrezzature radio, a parte la batteria mantenuta sotto carica fino alla mattina stessa.
Il materiale radio è stato:
Rtx FT-817 con mic originale, un'antenna direttiva 4 elementi auto costruita (IK0MOX) per i 2metri con boom in legno smontabile in 3 differenti pezzi accoppiati a pressione. Tutti gli elementi sono avvitabili sul boom e l'elemento attivo ha un accoppiamento tramite hairpin rigido. Alimentazione a batteria 12V 12Ah piombo gel, ma avrei potuto usarne una da 7,5Ah molto meno pesante. Nello zaino, inoltre, uso portare (per il trekking in genere) almeno 1 litro di acqua a testa, un coltello multifunzione, coperta termica, piccolo pronto soccorso, lampade frontali per casi di permanenza obbligata e/o discesa in notturna, indumenti asciutti di ricambio, ventine, cappelli, sacchetti di frutta zuccherata ed essiccata e un portatile RTX-FM.
Totale oltre 10 Kg di peso da trasportare!! Dopo una colazione abbiamo raggiunto il parcheggio situato vicino a Torre Paola ai piedi del promontorio del Circeo e ci siamo preparati per la salita. Quota "zero", zaino in spalla e bacchette, iniziamo il percorso alle 8:20 circa per il tracciato 3 di Torre Paola fino a raggiungere l'incrocio con il percorso 2 di Quarto Freddo dove inizia la salita vera. Il fondo è molto bagnato e il fogliame caduto e zuppo non rende agevole la salita ripida, poi finalmente si esce dal bosco e la vista ti rende di nuovo il sorriso e forza per il secondo tratto di salita. Alla fine siamo sul "naso" della Maga Circe (picco di Circe) alle 10.00 . Oggi, io e Federico, siamo i primi ad arrivare in cima e spendiamo qualche minuto a guardare lo spettacolo che la natura ci ha regalato. La giornata è meravigliosa e ci consente di stare in maniche corte per un po.
Temperatura intorno ai 14°C ma il sole scalda la pelle velocemente e c'è appena una bava di vento. Condizioni ideali per godersi posti come questi. Federico, mio figlio, fa foto e mi aiuta nel montaggio delle attrezzature. Dopo il montaggio, sintonizzo a 144.350 usb per stabilire con un collega di ARI Latina se tutto funziona. Rimaniamo per un po a 350 e faccio varie chiamate collegando i colleghi della zona che sapevano della mia presenza su LZ-024. Finalmente arriva Roberto IK0BDO che mi suggerisce di spostarmi a 144.290 dove potrebbero esserci persone in ascolto. E così finalmente arriva qualche altro QSO.
Propagazione praticamente nulla considerando il periodo ma banda ben silenziosa. Solo per qualche momento vengo sovrastato da forti segnali FM, probabilmente qualcuno in diretta che non conosce bandplan. Ma subito dopo qualche altra mia chiamata, i segnali FM svaniscono. I segnali ricevuti dai vari corrispondenti anche se non elevati sono molto chiari e perfettamente comprensibili. Scambio due chiacchiere un po con tutti visto che il traffico è esiguo. Ripensandoci col senno del poi avrei potuto portare il mio mini-dipolo per i 40 metri da 200grammi e fare qualche ulteriore qso in HF. Idee che si realizzeranno in primavera. E' già passata un'ora e mezza ed è ora di prepararci per la discesa se vogliamo rispettare i tempi che ci siamo imposti e non disattendere gli altri impegni della giornata. La discesa è per la traccia 1, passando per il precipizio da dove oltre a godere di spettacoli naturali, Federico può imparare questo nuovo percorso per lui. Anche a me in effetti serve per rinfrescarmi i ricordi visto che l'ultima volta che ho fatto questo passaggio non ero ancora sposato...
Il peso dello zaino è più fastidioso ora in discesa piuttosto che durante la salita. Nel bosco si scivola facilmente, la pendenza è elevata e il fogliame è ancora molto bagnato per cui paradossalmente, impieghiamo più tempo per scendere che per salire.
Finalmente alle 13:30 siamo alla macchina. Si rientra per le 14 circa; il resto della famiglia ci aspetta per il pranzo previsto a casa dei nonni.
In questo trekking abbiamo percorso circa 4,8 Km totali con un dislivello di 528 metri circa e pendenza massima del 60% con media pendio del 18%.
undefined undefined
undefined undefined
undefined
Grazie a tutti
Alla prossima.
Federico e Giuseppe IZ0EVK